0

0

Malattia da graffio di gatto o cat scratch disease

La Cat Scratch Disease (malattia da graffio di gatto),definita anche cat scratch fever, è una zoonosi causata da Bartonella henselae e veicolata dal gatto.


MALATTIA DA GRAFFIO - EPIDEMIOLOGIA


La malattia da graffio di gatto ha una diffusione mondiale. La pulce del gatto, Ctenocephalides felis, ha un ruolo importante nel mantenimento dell’infezione, in quanto funge da vettore e infetta l’animale attraverso il pasto di sangue. Il gatto, a sua volta, trasmette il batterio all’uomo attraverso graffi o morsi. La trasmissione della malattia tramite la pulce infetta all’uomo è ad oggi controversa.


MALATTIA DA GRAFFIO - SINTOMI NEL GATTO


Il gatto è il serbatoio tipico dell’infezione ed è generalmente asintomatico; può ospitare Bartonella henselae nel circolo ematico per mesi o anni senza presentare segni di malattia. La presenza dell’agente infettivo, che si localizza negli eritrociti o nei macrofagi, non determina una risposta immunitaria sufficiente per la sua eliminazione. Naturalmente, rispetto a quelli domestici,i gatti randagi sono più esposti all’infezione e, quindi, maggiormente coinvolti nella sua trasmissione. Essa non è da confondere con l’emobartonellosi felina la quale determina una patologia grave nel gatto ed è causata da Mycoplasma Haemofelis.


MALATTIA DA GRAFFIO - SINTOMI NELL'UOMO


La malattia da graffio di gatto è una delle più comuni cause di linfoadenopatia nei bambini e negli adolescenti. Il 90% dei soggetti colpiti riferisce di aver avuto contatti con gatti, ma la patologia può essere correlata anche all’esposizione a cani, scoiattoli, capre oppure a oggetti infetti, come filo spinato, spine eccetera. Ha un periodo di incubazione medio di una settimana, variabile da 2 a 10 giorni.


Come può manifestarsi:



  • Ingrossamento linfonodi regionali con disposizione monolaterale (in genere ascellare,epitrocleare,cervicale,sottomandibolare o inguinale),che talvolta possono andare incontro a suppurazione;

  • Comparsa dopo 3/10 giorni dal graffio o dal morso, di una lesione papulosa, pustolosa di pochi millimetri di diametro;

  • Febbre elevata;

  • Cefalea;

  • Malessere;

  • Anoressia e perdita di peso;

  • Aumento di volume della milza;


Tra le manifestazioni meno comuni si annoverano: sindrome oculoghiandolare o di Parinaud o manifestazioni neurologiche.


 



Ecco poche semplici regole che gli amanti dei gatti dovrebbero seguire e conoscere per evitare situazioni spiacevoli:



  • Effettuare ai gatti una protezione antiparassitaria efficace, tutto l’anno; evitando l’infestazione da pulci, verrà meno il vettore della malattia;

  • Evitate di insegnare ai vostri gatti di giocare con le mani;

  • Evitate qualsiasi attività che possa comportare manifestazioni di aggressività da parte dell’animale e quindi scatenare una sua reazione;

  • Qualora si venga morsi o graffiati, lavare bene la zona e disinfettarla;

  • Non permettete che il gatto vi lecchi su ferite o lesioni della pelle;

  • Consultate il medico se, dopo un morso o un graffio, si sviluppa un’infezione localizzata (con gonfiore e pus) o notate altri sintomi ,come febbre, mal di testa, stanchezza o ingrossamento dei linfonodi.


L'articolo è a cura della Dr.ssa Alessandra Statelli, Medico Veterinario.


Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo sui SOCIAL NETWORK e metti MI PIACE sulla nostra PAGINA FACEBOOK, oppure ISCRIVITI al nostro sito per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie dal mondo animale e per fare le domande gratuitamente ai nostri VETERINARI.

Author: Vetclick (1) Category: Health Animal: Cat

Your Comment

To be able to comment this post you'll need to be a registred user

Comments